login
Cerca
PRIMO PIANO
Le tavole verticali di Daniel Spoerri
Le tavole verticali di Daniel Spoerri
Corin Sworn Silent Sticks
Corin Sworn Silent Sticks
Stilnovo, che bella storia
Stilnovo, che bella storia
Gherardo delle Notti
Gherardo delle Notti
It starts with the firing

It starts with the firing è il nuovo progetto di Elisabetta Benassi, concepito specificamente per Collezione Maramotti.

Punto di avvio della mostra è la polemica nata intorno a un’opera del 1966 dell’artista americano Carl Andre, intitolata Equivalent VIII, composta da 120 mattoni posizionati su due file sovrapposte a formare un rettangolo. Il lavoro venne acquistato dalla Tate Gallery di Londra nel 1972 per diverse migliaia di sterline. La stampa inglese dell’epoca attaccò l’acquisto ridicolizzando la decisione del museo con articoli e vignette. Elisabetta Benassi è tornata sulle tracce di questi materiali, ora conservati nell'Archivio della Tate (curiosamente, riuniti da Carl Andre stesso e donati al museo), per riaprire quella polemica e rimetterla in movimento, estrapolando alcune frasi dai ritagli dei giornali originali, riuniti in un libro d’artista e trasformati nei manifesti affissi a Reggio Emilia.

La mostra inizia dunque fuori, nella città: cinque frasi stampate su manifesti affissi in periferia e sugli autobus che attraversano il centro storico di Reggio Emilia. Sono in inglese, parlano di mattoni: Upon these bricksBricks a hot favouriteThe bricks pull the crowdsThis Bricks could build a bad reputationA brick is a brick is a brick...; My wall is going cheapGallery bricks silenceMoney crisis and the art BricksMan behind the bricksThe bricks are usefulArt may come and art may go but a brick is a brick for Ever. Bricks are for homes!A cosa si riferiscono? Si tratta di una campagna pubblicitaria? Sono slogan politici? Che relazione c’è tra i mattoni e l’arte? 

Dal fuori al dentro, dalla città alla Collezione Maramotti, i manifesti ci accompagnano nello spazio dell’esposizione. Le opere di Elisabetta Benassi mettono in relazione “oggetti”che appartengono alla storia del luogo – la prima fabbrica di Max Mara, ora sede della Collezione – con altre presenze che si legano a una vicenda più ampia, non solo italiana, creando una serie di “tappe” in un percorso che può essere liberamente composto dallo spettatore. Ogni stanza presenta un’opera sopravvissuta alla sparizione del contesto che inizialmente la ospitava. Alcuni “oggetti” si presentano con i loro “nomi”: ProsperityEmpire (che riprende un’altra opera di Andre), sono marchi ma soprattutto metafore, oracoli che ci rivolgono ironicamente dei quesiti. Essi ci appaiono allo stesso tempo familiari e incongrui. Una stiratrice industriale a vapore, tappeti che si incuneano in un muro di mattoni, un pilastro sghembo che esibisce il suo orgoglioso trademark: dispositivi che riassumono in forma ironica le contraddizioni della storia, gli scivolamenti, a volte i veri e propri collassi del senso che essa ha imposto ai nomi e alle cose. Ma l’instabilità, gli enigmi che queste opere propongono non hanno nulla di vago; puntano invece a qualcosa che ci è sin troppo familiare: la perdita di fiducia nelle promesse della tecnica, il mondo postumo che viene dopo i fallimenti sia delle ideologie che dei loro supposti rimedi, l’abbandono alle forze che disperdono, rinselvatichendole, memorie e comunità.

Cosa ci insegna quella lontana polemica intorno all’opera di Carl Andre conservata alla Tate? Probabilmente che le nostre certezze sulla maggiore lungimiranza e sensibilità del nostro tempo sono in sostanza illusioni, che i “mattoni” della nostra società – come i “valori” in cui essa confida – sono sempre precari, che le strutture sono sempre sul punto di crollare, ma anche capaci di trasformarsi, nelle mani dell’artista, da elementi in qualche modo vincolati a tessere di un mosaico multiforme.


La mostra è presentata in occasione del festival Fotografia Europea 2017.

IMMAGINI
VIDEO
TAGS
collezione maramotti elisabetta benassi
Palinsesti Speciali
MAXXI  Museo nazionale delle Arti del XXI secolo
UN ANNO AD ARTE 2015
COLLEZIONE MARAMOTTI
COLLEZIONE MARAMOTTI
BIENNALE
Global Media Partners
Architekturclips
Artinfo
Art in de
ArtBabble
3D Produzioni | via Giulianova 1 | 20121 Milano | tel. +39.02.78622900 | info@3dvideo.it | Web Works: eMotiv
Tutti i video sul sito Ultrafragola sono protetti da copyright
Segui Ultrafragola Channels
Google+
Comunicato stampa Ultrafragola TV


3D Produzioni
presenta

ULTRAFRAGOLA CHANNELS
LA PRIMA WEB TV DEDICATA AL DESIGN
THE FIRST WEB TV DEDICATED TO DESIGN

on line dal 18 Aprile 2007

Una produzione 3D
a cura di Didi Gnocchi
concept, realizzazione e webworks di Marta Regge
grafica di Andrea Lancellotti

Ultrafragola Channels è la prima web tv dedicata al design, all'arte, all'architettura, in onda 24 ore su 24 con un flusso video continuo, un palinsesto strutturato in rubriche tematiche, interviste e servizi esterni, news e approfondimenti testuali e iconografici, rimandi interni e a link esterni, un archivio multimediale di testi e immagini.
Un canale che si propone con un linguaggio nuovo, creato per chi ama i tempi, i modi, gli spazi del web. Senza nulla togliere alla TV. Con un nuovo vocabolario, un nuovo modo di comunicare, mai passivo, sempre dinamico. Un canale che risponde con l'immediatezza di un clic a curiosità , desideri, impulsi, passioni, visioni.
Ultrafragola è distribuita online, in tutto il mondo, anche in lingua inglese. È una TV senza i costi della TV, ha un'audience potenziale molto più ampia di qualsiasi network televisivo. E non è unidirezionale come una TV ma coinvolge attivamente i suoi spettatori.
Ultrafragola Channels è un contenitore di idee, uno specchio di Ettore Sottsass, il presente, il passato e il futuro del design, dell'arte e dell'architettura italiana, a partire dall'attualità  della produzione contemporanea. Emozioni, visioni e scenari. Ma anche un ponte verso la scena internazionale, per esplorare le tendenze, i talenti e gli oggetti del design internazionale.
Il design è il punto di partenza, Ci interessa la storia che sta dietro gli oggetti, ma anche il loro destino. Chi li disegna, se ci ricordano un film, dove sono finiti.
Le “connessioni” cercano un senso nelle cose e fra le cose, questa è la nostra strada. Ci interessano le sfide di ieri e quelle di domani. Chi le lancia e chi le raccoglie.
Dal 18 Aprile 2007 www.ultrafragola.com si accende sul web per l'appuntamento più importante nel mondo del design, il Salone del Mobile.

Ultrafragola è l'occhio che cerca, il colore che mette insieme, il verbo che spiega e l'immagine che racconta. E' un inviato, un critico, un curioso acquirente, un coacervo di figure che provano a capire, a spiegare cosa c'è dietro un oggetto, una mostra, una casa, una vita creativa, e lo fa laicamente, senza adulare, con infantile divertimento. Qualche volta ci arriva con il fiatone altre con il sorriso, si tiene informata, batte strade poco frequentate, fa giri larghi ma ha sempre fissa la curiosità .

Per ulteriori informazioni:
3D Produzioni
via Giulianova 1
20121 Milano
Tel. +39.02.78622900
info@3dvideo.it

ENGLISH VERSION

After the success of its original format “Ultrafragola”, which brought design back on TV screens, 3D Produzioni keeps the same formula while opening it to a wider public, interested not only in design but in all the aspects of contemporary culture.

Ultrafragola Channel is the first 24-hours web TV dedicated to design, art, architecture. It will broadcast thematic magazines, interviews and reportage, news, textual and graphic information, internal and external links, and an archive of texts and images.

Ultrafragola Channel is a box for ideas, an Ettore Sottsass' mirror; it's the present, the past and the future of Italian design, art and architecture, starting from contemporary production. It's emotions, visions, scenarios, but also a bridge towards the international scene, in order to explore the trends, talents and objects that characterise international design.

Design is the starting point, not the final destination. Objects evoke something beyond them: the person who designed it, the place and time when we saw it for the first time, a movie, the person who gave it to us. What Charles Eams, in his search for objects' inner sense, called “connections”. Fifty years after, we also called them “connections”, in a time when everything is too near, dense and complex while its sense becomes farther and more indefinite.
We are interested in today's and tomorrow's challenges, and to those who want to face them.

From April 18th, 2007, www.ultrafragola.com will be online for the most important event in the design world, the Salone del Mobile.